Fotografo matrimonio Milano: 5 consigli per sceglierlo con attenzione

Scegliere il fotografo per matrimonio a Milano non è semplice, e non perché il capoluogo lombardo scarseggi di buoni professionisti. Tutt’altro: l’offerta è ipertrofica, come quella delle grandi metropoli del resto, dunque determina il classico imbarazzo della scelta. In un contesto del genere, è facile tagliare la testa al toro e non approfondire la fase di valutazione, optando per il primo che capita, o quasi.

Ebbene, si tratta di un errore che può costare caro, che può portare all’erogazione di un servizio poco coerente con le aspettative iniziali, a prescindere dalla qualità oggettiva dello stesso. E’ bene quindi fornire qualche consiglio per scegliere il fotografo per matrimonio a Milano. Lo faremo in questa breve ma esaustiva guida, arricchita da una panoramica sull’importanza del fotografo per questo genere di eventi.

L’importanza del fotografo per un matrimonio

Che il fotografo sia importante per la buona riuscita di un matrimonio, non ci possono essere dubbi. La questione però ruota attorno al “quanto”. L’impatto del fotografo è infatti più pesante di quanto si possa immaginare, decisivo almeno per quanto concerne ciò che verrà dopo.

Il matrimonio è un evento che viene ricordato sempre e comunque, dunque tante vale valorizzare questo ricordo, profondere in esso la giusta dose di realismo e magia, verità ed emotività. Il servizio fotografo è l’unico strumento che permette di addivenire a una quadra, ma solo se fatto a dovere. Da qui, l’assoluta importanza del fotografo.

Ciò risulta tanto più vero quanto più grande è la città che fa da sfondo alla ricerca. Di nuovo, non è una questione di qualità media, anzi a Milano è molto alta, quanto di eterogeneità. L’offerta è così eterogenea… Che si trova di tutto, compresi i professionisti da evitare o quelli meno adatti alle proprie esigenze.

5 consigli per scegliere bene il fotografo

Dunque, ben vengano i consigli pratici per individuare un fotografo per matrimonio a Milano che faccia al caso proprio, eventualmente spendibili anche per altri contesti.

  • Non fidarsi troppo del passaparola. Il passaparola è un’arma fondamentale per scegliere in fretta. Tuttavia, le dinamiche del passaparola hanno a che vedere con l’emotività e l’affettività più che con la tecnica, le competenze etc. Dunque, può fornire uno spunto interessante, ma va preso con le pinze.
  • Imporre i propri tempi. L’ideale sarebbe muoversi per tempo, ma ciò spesso non è possibile. Dunque, meglio rivolgersi a fotografi che sappiano esprimere la piena disponibilità in quanto a tempistiche.
  • Avere ben chiaro il tipo di servizio. La scelta è tra shooting e reportage. Lo shooting è il servizio classico, per il quale ci si mette in posa. Il reportage è un servizio che si compone di scatti “rubati”, in cui i soggetti vengono ripresi mentre svolgono le loro attività. E’ spontaneo e creativo allo stesso tempo, immersivo e gradevole da guardare. Ora, scegliere tra shooting e reportage significa scremare l’offerta in un senso e nell’altro: queste modalità impongono infatti un elevato grado di specializzazione.
  • Stabilire un budget. Non si fanno le nozze coi fichi secchi, recita un famoso proverbio, ma certo è necessario sapere quanto si può spendere e regolarsi di conseguenza.
  • Fare riferimento ai feedback. Il passaparola può essere pericoloso, ma le testimonianze dei clienti rappresentano la migliore cartina di tornasole per valutare un professionista.

Un consiglio aggiuntivo, quasi scontato ma che merita di essere menzionato: guardare il portfolio. Tra l’altro, specie i fotografi presenti online, mettono a disposizione una selezione di opere tale da facilitare l’attività di valutazione.

A quale fotografo rivolgersi per un matrimonio a Milano

Potete mettere in pratica questi consigli, e non sbaglierete. Certo, cercare col lanternino il professionista che faccia al caso proprio è faticoso, prende molto tempo in un periodo in cui il tempo scarseggia. Dunque, l’ultimo consiglio, quello definitivo, è affidarsi direttamente a uno dei più stimati fotografi di Milano (e dintorni): Michele Dell’Utri.

E’ specializzato in reportage, che interpreta in una chiave narrativa, tale da garantire la totale immersione e il massimo coinvolgimento. E’ supportato da un nutrito bagaglio tecnico, è apprezzato per la sua sensibilità e per la tendenza a instaurare un rapporto sincero con gli sposi. Un rapporto che rende più agevole la fruizione del servizio ma che impatta anche sulla qualità degli scatti – dal punto di vista comunicativo e non solo.

Michele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto