Molto spesso si sottovaluta l’importanza della milza, un organo di grande importanza sotto vari punti di vista per il benessere dell’organismo. Questo si trova nella parte sinistra dell’addome, precisamente al di sotto del diaframma. Ecco perciò una serie di informazioni utili su di esso.

Qual è la funzione della milza?

Il compito principale della milza è quello di produrre delle componenti cruciali per le difese immunitarie, ossia i globuli bianchi. In particolare, la milza va ad avere un’azione determinante per quel che riguarda la “pulizia” del sangue: vengono così eliminati i globuli rossi invecchiati e che non sono più utili per il benessere fisico. Oltre a dover considerare che grazie alla continua produzione di globuli bianchi è possibile verificare la presenza di agenti pericolosi per la salute. Occorre però ricordare che la milza non è certo un organo vitale, infatti non mancano le persone che non la hanno più. Fegato e midollo osseo possono sostituire la milza.

Dove si trova con precisione la milza?

La milza confina anche con altri organi, per la precisione con lo stomaco, il polmone sinistro e il rene sinistro. Senza dimenticare che vi è anche una parte di colon che confina con la milza. Vale la pena specificare che questo è un organo particolarmente vascolarizzato, per cui si capisce facilmente come riesca ad agire nella “pulizia” del sangue. Il sangue ossigenato arriva alla milza attraverso un’arteria specifica, ossia quella splenica. Essa si suddivide in ben 5 ramificazioni che vanno ad irrorare di sangue anche altri organi del corpo.

Le funzioni principali della milza

Una delle principali funzioni della milza è quella di portare alla maturazione dei globuli rossi. Al suo interno, infatti, vanno a completarsi nel loro processo di crescita queste cellule che sono fondamentali per la circolazione. Anche la funzione linfopoietica è molto importante, in quanto determina la formazione delle immunoglobuline, in primis le IgM e le IgG che sono cruciali per le difese immunitarie. Il che vuol dire che una milza che funzioni bene è molto importante per garantire un’adeguata protezione alla salute del corpo. Inoltre, è giusto ricordare che la milza fa anche da serbatoio di sangue: in caso di necessità, tale funzione è molto importante soprattutto qualora vi siano patologie che possano portare a carenze ematiche. All’interno della milza vanno a depositarsi alcuni elementi molto importanti, su tutti il ferro e anche le piastrine, cruciali per la coagulazione del sangue in caso di ferite o traumi di vario genere.

Il dolore alla milza: perché?

Occorre ricordare che vi sono delle situazioni in cui si può avvertire un dolore di varia intensità a livello della milza. Infatti, questo avviene non soltanto in caso di patologie particolari: molti atleti o persone che amano fare attività sportiva a livello amatoriale sanno che tipo di dolore è quello della milza.

Esso si origina a partire da uno sforzo fisico alquanto prolungato nel tempo e molto intenso. Il dolore potrebbe essere legato a una leggera ischemia splenica momentanea, determinata fondamentalmente dal dirottamento di sangue ai muscoli in attività da parte della milza. In ogni caso, si tratta di una condizione di dolore passeggero e che tende a passare nell’arco di qualche minuto senza portare alcuno strascico a lungo termine.

Va prestata la giusta attenzione qualora ci si dovesse accorgere di un dolore ricorrente, anche non legato a sforzi fisici. Non bisogna avere paura di questo tipo di dolore né tanto meno limitarsi particolarmente: questo avviene soprattutto quando si inizia a svolgere attività fisica. Nel momento in cui la si fa con regolarità, il dolore della milza sarà sempre più leggero, per poi scomparire del tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.